Martedì, 25 Settembre 2012 06:00

La droga nelle serre. Cinque arresti a Vittoria

60 chilogrammi di marijuana sono stati sequestrati dalla Polizia di Vittoria e Niscemi nell'ambito di un'operazione congiunta che ha portato al recupero dell'ingente quantitativo del valore di 300 mila euro. Cinque le persone arrestate, tra cui un noto pregiudicato appartenente all'ex cosca della Stidda. Indagini rese difficili dalla connivenza della manodopera agricola.

Cinque persone sono finite in manette nella tarda mattinata di oggi a seguito dell'esito delle indagini portate avanti dalla polizia di Vittoria e Niscemi che ha portato al sequestro di ben 60 chilogrammi di marijuana. Se immessa sul mercato, tale droga avrebbe fruttato circa 300 mila euro. Ad essere arrestato Antonio Paravizzini di 40 anni, noto pregiudicato vittoriese, appartenente all'ex cosca dei Dominante-Carbonaro, e la moglie, Carmela Occhipinti di 28 alla quale sono stati concessi i domiciliari in quanto madre di un minorenne. Fermati anche Giovanni Ficicchia, di 42 anni, con vecchi precedenti per reati contro il patrimonio, ed i due figli avuti dalla seconda moglie, Francesco e benedetto Torres, di 22 e 10 anni. Le indagini sono partite a seguito degli strani movimenti notati nella piazza di Niscemi. Diversi giovani acquistavano droga, ma da chi? Da dove proveniva? Il dirigente del Commissariato di Niscemi, Antonio Migliorisi, ha pertanto chiesto al collega di Vittoria, il dott. Rosario Amarù, di approfondire insieme la questione, visto che molti impianti serricoli insistono nel territorio ipparino. Due mesi fa, dunque, sono partiti i controlli nelle campagne dell'agro vittoriese, e stamani si sono concentrati fra Vittoria e Acate. In C.da Feudo Abbate, in particolare, gli agenti hanno fatto la grande scoperta. All'interno di una villetta di proprietà del Paravizzini sono stati rinvenuti 25 Kg di droga pronta per essere messa in commercio. Nella sua azienda agricola, annessa all'abitazione, è stata trovata dell'altra droga: le piantine, coltivate una ad una accanto a quelle di pomodoro, i semi, le piante messe ad essiccare su 5 reti di materasso. A dare una mano alla coltivazione illegale, il vicino di azienda, il sig. Ficicchia, il quale stamani, alla vista degli agenti ha cercato di scappare, ma invano. Anche nelle sue aziende è stata trovata della marijuana, che coltivava e poi dava al Paravizzini per la vendita. Per i cinque dunque sono scattate le manette. Gli uomini si trovano ora rinchiusi al carcere di Ragusa a disposizione dell'autorità giudiziaria. Tutti dovranno rispondere di coltivazione di sostanze stupefacenti.

Ultima modifica Martedì, 25 Settembre 2012 00:59

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Il tuo indirizzo email non sarà visibile.
Il codice HTML non è permesso.

Orzo in Sicilia

Orzo in Sicilia

Se per diverso tempo sembrava quasi scomparso, in questi ultimi anni sta tornando nuovamente alla ribalta nelle nostre tavole. Stiamo parlando dell’orzo, ottimo ingrediente di mille ricette. Diversi sono gli agricoltori che si stanno cimentando in Sicilia in questa nuova coltura che lo ricordiamo...

Commenta

Vaccino antipolio, per sconfiggere il virus definitivamente

Vaccino antipolio, per sconfiggere il virus definitivamente

Sesto appuntamento, dedicato ad un vaccino importantissimo, quello contro la Poliomielite, grave malattia dovuta ad un virus che si trasmette da uomo a uomo per via aerea, attraverso, soprattutto, sternuti, tosse, baci. In circa il 95% dei casi è asintomatica o dà sintomi leggeri, quali mal di go...

Commenta

Stelle Michelin a Terrasini e Bagheria

Stelle Michelin a Terrasini e Bagheria

Stelle Michelin in provincia di Palermo. Ben due ristoranti si sono visti assegnare il prestigioso riconoscimento. Si tratta del "Il Bavaglino" di Terrasini e de "I Pupi" di Bagheria.

Commenta

Asp 7, i dati del codice rosa, contro la violenza

Asp 7, i dati del codice rosa, contro la violenza

E' passato solo un anno dall'attivazione del Codice Rosa nell'Asp di Ragusa - prima Azienda Sanitaria in Sicilia e tra le poche a livello nazionale – ed i dati sono, indubbiamente, confermativi di un fenomeno che purtroppo tende a crescere. Più di 100 casi di violenza rilevati in un anno, non solo da parte di donne, ma da tutti i soggetti più deboli della società.

Ultimi Commenti
L’I.C. "E. Vittorini" di Scicli insieme a "Si... l’idea è buona" per i bambini del Centro Diurno Maria SS del Rosario

L’I.C. "E. Vittorini" di Scicli insieme a "Si... l’idea è buona" per i bambini d…

Insieme ad altre scuole primarie della provincia che hanno già partecipato e che parteciperanno, Vittoria, Ragusa, Modica e Giarratana, l'Istituto Vittorini, grazie alla sua dirigente Dott.ssa Marisa Cannata, ha contributo all'iniziativa di Si... l'idea è buona! (www.silideaebuona.it in via di ag...

Commenta

Dentro lo sguardo – il codice di Giuseppe Petix

Dentro lo sguardo – il codice di Giuseppe Petix

Dopo lunghe ed attente valutazioni, "Dentro lo sguardo - il codice", saggio di Giuseppe Petix sulla pittura del Maestro Leonardo da Vinci, è stato inventariato e catalogato dalla prestigiosa "Biblioteca Leonardiana - Centro di ricerca e documentazione per gli studi leonardiani", di Vinci.

Commenta

L'isola di Mozia torna a risplendere

L'isola di Mozia torna a risplendere

L'antica isola fenicia di Mozia (Marsala) è finalmente libera dalle pale eoliche installate nel 1984 e mai entrate in funzione. Terna Rete Italia, pur non essendone la proprietaria, ha messo a disposizione i propri tecnici e mezzi per rimuovere dal sito archeologico i generatori eolici.

Commenta

Ristrutturiamo la scuola! Ma come...?

Ristrutturiamo la scuola! Ma come...?

Il dibattito sulla scuola e su come risolvere molti dei problemi che l'affliggono è sempre aperto ed estremamente attuale. Se ne discute ogni giorno, alla radio, in televisione, sui giornali, all'interno delle scuole stesse, nelle aule di governo.

Commenta