Sabato, 17 Novembre 2012 08:49 redazione

Ragusa, arrestati strozzini. Prestavano denaro con interessi del 900%

Arrestati dalla squadra mobile di Ragusa un palermitano ed un marocchino responsabili di usura e estorsione aggravata nei confronti di imprenditori ragusani. I due avevano ceduto in prestito somme di denaro con interessi fino al 900% annui. Fondamentali le testimonianze delle vittime, piccoli imprenditori locali. Le indagini dell'operazione denominata "no problem" continuano ancora.

La 3a sezione della squadra mobile di Ragusa ha dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Ragusa, nei confronti di Domenico Caggegi, pensionato 65enne palermitano con precedenti specifici, e di Rahal Dahdahi, commerciante marocchino di 43 anni, entrambi abitanti a Ragusa, responsabili dei reati di "usura e estorsione aggravata" in danno di imprenditori ragusani. I due cercavano di ottenere delle cospicue somme di denaro facendo gli usurai, pensando così di fronteggiare le proprie difficoltà economiche. L'attività di indagine trae le sue origini dalla particolare attenzione che la Squadra Mobile di recente ha mostrato nei confronti di quei soggetti anche legati al mondo della piccola imprenditoria ai quali, a seguito di intervenute difficoltà economiche, sono stati preclusi crediti bancari e pertanto sono incappati nelle morse dell'usura. Le indagini hanno consentito di accertare che i due indagati immediatamente dopo la "concessione" del prestito, si facevano restituire, dietro minacce, le somme di denaro ad interessi usurai cioè sproporzionati rispetto ai tassi applicati sul mercato per operazioni simili. In alcune circostanze è stata anche monitorata l'acquisizione della proprietà di beni mobili quale compenso per operazioni di "rinnovo" a favore dei due arrestati. L'efficace azione persuasiva degli agenti della squadra mobile nei confronti delle vittime man mano interpellate, ha fatto sì che dopo l'iniziale e comprensibile riluttanza, le stesse abbiano fornito sufficienti elementi probatori che hanno dato un impulso ulteriore all'indagine. In particolare il rapporto di fiducia instaurato nel frattempo con due coniugi titolari di una piccola impresa, ha consentito di individuare l'entrata in scena di altri soggetti dediti al cosiddetto fenomeno dello strozzinaggio, sul conto dei quali sono tutt'ora in corso delle indagini.

Ultima modifica Sabato, 17 Novembre 2012 12:39
Video

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Il tuo indirizzo email non sarà visibile.
Il codice HTML non è permesso.

Orzo in Sicilia

Orzo in Sicilia

Se per diverso tempo sembrava quasi scomparso, in questi ultimi anni sta tornando nuovamente alla ribalta nelle nostre tavole. Stiamo parlando dell’orzo, ottimo ingrediente di mille ricette. Diversi sono gli agricoltori che si stanno cimentando in Sicilia in questa nuova coltura che lo ricordiamo...

Commenta

Vaccino antipolio, per sconfiggere il virus definitivamente

Vaccino antipolio, per sconfiggere il virus definitivamente

Sesto appuntamento, dedicato ad un vaccino importantissimo, quello contro la Poliomielite, grave malattia dovuta ad un virus che si trasmette da uomo a uomo per via aerea, attraverso, soprattutto, sternuti, tosse, baci. In circa il 95% dei casi è asintomatica o dà sintomi leggeri, quali mal di go...

Commenta

Stelle Michelin a Terrasini e Bagheria

Stelle Michelin a Terrasini e Bagheria

Stelle Michelin in provincia di Palermo. Ben due ristoranti si sono visti assegnare il prestigioso riconoscimento. Si tratta del "Il Bavaglino" di Terrasini e de "I Pupi" di Bagheria.

Commenta

Asp 7, i dati del codice rosa, contro la violenza

Asp 7, i dati del codice rosa, contro la violenza

E' passato solo un anno dall'attivazione del Codice Rosa nell'Asp di Ragusa - prima Azienda Sanitaria in Sicilia e tra le poche a livello nazionale – ed i dati sono, indubbiamente, confermativi di un fenomeno che purtroppo tende a crescere. Più di 100 casi di violenza rilevati in un anno, non solo da parte di donne, ma da tutti i soggetti più deboli della società.

Ultimi Commenti
L’I.C. "E. Vittorini" di Scicli insieme a "Si... l’idea è buona" per i bambini del Centro Diurno Maria SS del Rosario

L’I.C. "E. Vittorini" di Scicli insieme a "Si... l’idea è buona" per i bambini d…

Insieme ad altre scuole primarie della provincia che hanno già partecipato e che parteciperanno, Vittoria, Ragusa, Modica e Giarratana, l'Istituto Vittorini, grazie alla sua dirigente Dott.ssa Marisa Cannata, ha contributo all'iniziativa di Si... l'idea è buona! (www.silideaebuona.it in via di ag...

Commenta

Dentro lo sguardo – il codice di Giuseppe Petix

Dentro lo sguardo – il codice di Giuseppe Petix

Dopo lunghe ed attente valutazioni, "Dentro lo sguardo - il codice", saggio di Giuseppe Petix sulla pittura del Maestro Leonardo da Vinci, è stato inventariato e catalogato dalla prestigiosa "Biblioteca Leonardiana - Centro di ricerca e documentazione per gli studi leonardiani", di Vinci.

Commenta

L'isola di Mozia torna a risplendere

L'isola di Mozia torna a risplendere

L'antica isola fenicia di Mozia (Marsala) è finalmente libera dalle pale eoliche installate nel 1984 e mai entrate in funzione. Terna Rete Italia, pur non essendone la proprietaria, ha messo a disposizione i propri tecnici e mezzi per rimuovere dal sito archeologico i generatori eolici.

Commenta

Ristrutturiamo la scuola! Ma come...?

Ristrutturiamo la scuola! Ma come...?

Il dibattito sulla scuola e su come risolvere molti dei problemi che l'affliggono è sempre aperto ed estremamente attuale. Se ne discute ogni giorno, alla radio, in televisione, sui giornali, all'interno delle scuole stesse, nelle aule di governo.

Commenta